Cappella De Larderel

Posted on by
cappelladelarderel2

Particolare della facciata cappella De Larderel

Nel 1854 un grave lutto colpisce la famiglia del Conte Francesco De Larderel: muore uno dei figli, Edoardo.
Edoardo muore il 5 Aprile 1854 all’età di anni 21 e viene sepolto nel Campo Santo di S. Matteo. Al momento della morte la Cappella non era ancora edificata.
Il Conte De Larderel chiede al parroco di S. Matteo la possibiltà di acquistare una porzione di terreno per costruire la cappella che deve servire alla sepoltura del figlio e degli altri appartenenti la famiglia; la costruzione è affidata a Ferdinando Magagnini con la guida dello stesso Conte.
Alla realizzazione contribuiscono artigiani livornesi come Botti, Tamburini, Gestri, Ciabatti ed altri. La cupola è affidata al pittore senese Cesare Maffei che l’affresca con il “Trionfo del Padre Eterno”.
Carlo Tuticci, decoratore ed ornatista contribuisce ad arricchire l’opera del Maffei. Al suo interno si possono ammirare candelieri lignei con figure di teschi e di tibie posti sopra la tavola dell’altare.
Ancor oggi questa costruzione di stile neoclassico, seppure molto semplice, fa bella mostra di sé in quello che un tempo è stato il Camposanto della Parrocchia di S. Matteo.